Archivi categoria: software

Esperimenti con il software libero

Installare il Pepper Flash Player di adobe su Chromium 26

Come molti sanno, Adobe ha smesso di sviluppare il flash player per linux. In effetti il suo sviluppo è fermo alla versione 11.2 che detto tra noi fa decisamente schifo.  In attesa che il mondo abbandoni Flash, cerchiamo almeno di godere delle migliorie  introdotte nelle ultime versioni del  flash-player per una migliore esperienza web. Per il porno ad esempio.

Ovvero in semplici passi installeremo il flashplayer pepper-based che viene rifilato di default su Google Chrome nel nostro Chromium 26 in Debian Wheezy.

Ottenere il plugin con una mossa meschina

Scarichiamo il pacchetto .deb di Google Chrome adatto alla nostra architettura dalla pagina:

http://www.google.it/intl/it/chrome/browser/

E lo decomprimiamo. Al suo interno, in particolare nella directory

google-chrome-stable_current_amd64/opt/google/chrome/PepperFlash

Troviamo i due file manifest.jsonlibpepflashplayer.so che sposteremo nella seguente directory che creeremo nel nostro sistema:

/usr/lib/PepperFlash/

Impostare il nuovo plugin di default in Chromium

A questo punto istruiamo Chromium ad usare il nuovo plugin, modificando il file /etc/chromium/default in modo che riporti la seguente riga:

CHROMIUM_FLAGS=”–password-store=detect –ppapi-flash-path=/usr/lib/PepperFlash/libpepflashplayer.so”

Apriamo Chromium e dalla pagina chrome://plugins/ disabilitiamo il vecchio plugin ed abilitiamo quello nuovo.

enjoy

(in questi articoli si danno per scontate delle conoscenze minime di GNU/Linux, tipo dei basilari comandi della shell e dei basilari concetti sui permessi. Nel senso che io vi do solo l’idea su come fare la tal cosa non la stupida lista di comandi ca copia-incollare nella shell, prassi che trovo stupida e ribrezzevole.)

Annunci

firefox button – iceweasel menu!

Titolo astruso, capisco… Mi riferisco Comunque a quella feature di firefox 4 e 5 che consiste nel collassare tutto il menù sotto appunto il firefox button.
Avendolo visto su computer di amici il cui sistema operativo era in comproprietà con il diavolo mi sono chiesto se questo vezzo fosse fruibile anche da noi utilizzatori di sistemi operativi liberi.

In rete si trovano pareri discordanti. C’è chi dice che sia possibile attivarlo ma debba essere fatto manualmente (…scordandosi poi di dire come)
C’è chi dice invece che questa caratteristica non sia stata inclusa nella versione per GNU/Linux…

E allora come stanno le cose?? Lascio questo screenshot come risposta…

Qui sopra potete vedere un ben camuffato Iceweasel 5.0 girare su una Debian Squeeze a 64 bit  (per la cronaca installabile secondo queste istruzioni). Come potete vedere l’ “Iceweasel button” è presente!

Come abilitarlo? Niente di più banale… Clic con il tasto destro sulla barra del menu e togliete la spunta all’opzione “Menu Bar”.  Fatto.

Connessione a internet col Nokia 5230

In questo articolo tratteremo del modo più semplice con cui connettere la nostra Debian ad internet, sfruttando la connessione HSDPA, UMTS, EDGE o GPRS del nostro cellulare Nokia 5230 connesso tramite il cavo USB.

Il mio caso:

S.O.: Debian Squeeze amd64

Hardware: Apple MacBook 6,1

Telefono: Nokia 5230

Operatore: Wind

Tariffa: Internet No Stop

Collegamento: cavo USB

Installazione e configurazione delle utility

Per la connessione utilizzeremo gli strumenti più semplici che la nostra Debian ci offre:

wvdial e ppp


Per prima cosa installiamo le due utility sopra elencate:

# aptitude install wvdial ppp

Quindi aggiungiamo il nostro utente ai gruppi dip e dialout, per poter effettuare la connessione da utente:

# adduser utente dialout
# adduser utente dip


Adesso non resta che connettere il cavo USB al Nokia 5230, quindi al PC. Sul cellulare selezioniamo quindi la modalità “Nokia PC Suite”.

Il modem integrato viene automaticamente riconosciuto e linkato in /dev/ttyACM0. Per verifica è sufficiente un dmesg:

...
[ 7245.792012] usb 1-8: new high speed USB device using ehci_hcd and address 11
[ 7245.925599] usb 1-8: New USB device found, idVendor=0421, idProduct=02e3
[ 7245.925602] usb 1-8: New USB device strings: Mfr=1, Product=2, SerialNumber=3
[ 7245.925605] usb 1-8: Product: Nokia 5230
[ 7245.925607] usb 1-8: Manufacturer: Nokia
[ 7245.925609] usb 1-8: SerialNumber: 357989032251715
[ 7245.925707] usb 1-8: configuration #1 chosen from 1 choice
[ 7245.926995] cdc_acm 1-8:1.1: ttyACM0: USB ACM device     <---
[ 7245.931004] usb 1-8: bad CDC descriptors
[ 7245.931048] usb 1-8: bad CDC descriptors


Impostare i dati per la connessione.

Si inseriscono i seguenti valori nel file /etc/ppp/options :

/dev/ttyACM0
460800
debug
noauth
noipdefault
defaultroute
usepeerdns
crtscts
lock
kdebug 7
-detach
lcp-echo-failure 4
lcp-echo-interval 30
lcp-max-configure 10
lcp-max-failure 10
ipcp-max-failure 10
ipcp-max-configure 10
-ccp
-vj
refuse-chap
refuse-mschap
refuse-mschap-v2
refuse-eap
name null
show-password


Si inseriscono i seguenti valori nel file /etc/wvdial.conf :

[Dialer Defaults]
Init1 = ATZ
Init2 = AT+CGDCONT=1,"IP","internet.wind"
Modem Type = USB Modem
ISDN = 0
Phone = *99***1#
Modem = /dev/ttyACM0
Username = ''
Carrier Check = no
Password = ''
Baud = 460800


Connessione ad internet

A questo punto per connettersi è sufficiente aprire una shell e dare da utente il comando:

$ wvdial

in pochi secondi saremo connessi ad internet!

Per disconnettersi è sufficiente dare Ctrl+c nella stessa shell.

Massimo della semplicità con il minimo delle risorse: potenza di GNU/Linux 🙂

Altri operatori telefonici:

Per altri operatori è necessario cambiare il punto di accesso ed eventualmente il numero telefonico da comporre, descritti nelle  seguenti due stringhe  del file wvdial.conf :

Init2 = AT+CGDCONT=1,"IP","internet.wind"
Phone = *99***1#

È quindi sufficiente informarsi presso le pagine web del proprio operatore e modificare le due stringhe sopra in modo opportuno.

Fluxbox su eeePc 900A

…tutto questo in soli 74,3 MB di RAM!

Installazione e configurazione di fluxbox su eeePC

Questo è semplice! Abbiamo già trattato l’argomento nel numero 0 dell’e-zine di debianizzati. Non mi ripeterò e vi invito alla lettura.

Personalizzazione

Questi sono i miei script personalizzati:

~/.fluxbox/startup

xrdb -load ~/.Xdefaults &
fbsetbg /home/samuele/immagini/marghe_eeepc900.jpg &
thunar --daemon &
tilda &wicd-client &
sleep 1; wbar -isize 48 -nanim 3 -nofont -zoomf 2.2 &
adesklets &
exec /usr/bin/fluxbox

~/.fluxbox/menu

[begin] (fluxbox)
[exec] (Shell) {xfce4-terminal}
[exec] (Run...) {fbrun}
[exec] (Xkill...) {xkill}
[submenu] (Ufficio)
[exec] (Emacs) {emacs --geometry 80x25}
[exec] (Open Office) {ooffice}
[exec] (GIMP) {gimp}
[exec] (Bibus) {bibus}[end]
[submenu] (Accessori)
[exec] (Visualizzatore documenti) {evince}
[exec] (Visualizzatore immagini) {eog}
[exec] (Archivi) {file-roller}
[exec] (exaile) {exaile}[end]
[submenu] (Rete)[exec] (Chromium) {/home/samuele/.chromium/chrome}
[exec] (Iceweasel) {iceweasel}
[exec] (Gftp) {gftp}
[end]
[submenu] (Sistema)
[exec] (Schermi multipli) {grandr}
[exec] (Gestione partizioni) {gksu gparted}
[exec] (Thunar) {thunar}
[exec] (mc) {xfce4-terminal -e mc}
[end]
[submenu] (Giochi)
[exec] (SuperNES) {zsnes}
[exec] (Ninstendo64) {mupen64plus}
[end]
[submenu] (Scienza)
[exec] (OriginPRO 6.1){wine /home/samuele/.wine/drive_c/Programmi/OriginLab/Origin61/Origin61.exe}
[exec] (QtiPlot) {qtiplot}
[exec] (fityk) {fityk}
[end]
[submenu] (Altro)
[include] (/etc/X11/fluxbox/fluxbox-menu)[end]
[end]

~/.fluxbox/keys

!mouse actions added by fluxbox-update_configs
OnTitlebar Mouse2 :StartTabbing
!mouse actions added by fluxbox-update_configs
OnTitlebar Double Mouse1 :Shade
OnTitlebar Mouse3 :WindowMenu
!mouse actions added by fluxbox-update_configs
OnWindow Mod1 Mouse1 :MacroCmd {Raise} {Focus} {StartMoving}
OnWindow Mod1 Mouse3 :MacroCmd {Raise} {Focus} {StartResizing BottomRight}
!mouse actions added by fluxbox-update_configs
OnToolbar Mouse4 :NextWorkspace
OnToolbar Mouse5 :PrevWorkspace
OnDesktop Mouse1 :HideMenus
OnDesktop Mouse2 :WorkspaceMenu
OnDesktop Mouse3 :RootMenu
OnDesktop Mouse4 :NextWorkspace
OnDesktop Mouse5 :PrevWorkspace
Control Tab :NextWindow
Mod1 Tab :PrevWindow
Mod1 F2 :ExecCommand fbrun
Print :ExecCommand scrot
Control Print :ExecCommand scrot -d 3
Control Escape :ShowDesktop

Ulteriori configurazioni

dockbar : wbar

wbar non è presente in Lenny, ma solo in Squeeze. L’installazione su Lenny, comunque non comporta problemi di alcun genere: è possibile scaricare i  sorgenti e compilarla oppure semplicemente scaricare il binario precompilato per Squeeze e installarlo a mano sistemando pure a mano le dipendenze (queste si chiudono comunque in Lenny).

Ii file di configurazione è  ~/.wbar



i: /usr/share/wbar/iconpack/wbar.osx/osxbarback.png
c:
t: /usr/share/wbar/iconpack/wbar.osx/font/16

i: /usr/share/wbar/iconpack/wbar.osx/ooffice.png
c: ooffice
t: OpenOffice.Org

i: /home/samuele/.icons/OSX_Aluminium/128x128/apps/exaile.png
c: exaile
t: exaile

i: /home/samuele/.icons/emacs.png
c: emacs --geometry 80x25
t: emacs

i: /home/samuele/.icons/chromium-logo.png
c:/home/samuele/.chromium/chrome
t: chromium

i: /home/samuele/.icons/OSX_Aluminium/128x128/apps/calc.png
c: gcalctool
t: calcolatrice

i: /home/samuele/.icons/skype.png
c: skype
t: skype

 

i: /home/samuele/.icons/OSX_Aluminium/128x128/places/folder-home.png
c: thunar
t: home

desklets: adesklets

Installiamo il gestore di desklets adesklets, minimale e parco di risorse, ma non meno eye-candy dei fratelloni. installiamo i nuovidesklets  dando semplicemete il comando adesklets_installer scegliendo dalla lista. I nuovi desklets vanno in ~/.desklets e il file di configurazione è ~/.adesklets



[/home/samuele/.desklets/adeskclock-0.2.0/adeskclock.py]
id=0 screen=0 x=848 y=406

[/home/samuele/.desklets/acpi_battery-0.0.4/acpi_battery.py]
id=0 screen=0 x=24 y=197

[/home/samuele/.desklets/Calendar-0.5.3/Calendar.py]
id=0 screen=0 x=27 y=293

Gestore di rete: wicd

Questo gestore di ethernet/wifi è potentissimo e supporta i diversi tipi di protocollo, in più è molto semplice da configurare. E’ scritto in gtk e non porta dietro nessuna dipendenza di nessun DE.   Sistema la sua icona nel vassoio di sitema (che io tengo in alto a destra sulla barra) da cui si può fare tutto.

Gestore dei volumi: thunar-volman

Avendo un forte background di Xfce (che è il DE che utilizzo su altri computer) la scelta sul file-manager da impiegare in fluxbox, non poteva che cadere sull’ onnipotente Thunar. Peraltro il suo plugin thunar-volman, permette un’ottima gestione dei volumi rimovibili. Si attiva da thunar,  da

Modifica-> Preferenze… -> linguetta “avanzate”, opzione “abilita gestione volumi”

Poi è necessario mettere nello startup du fluxbox, il demone di thunar (il comando è  riportato qualche paragrafo sopra).

Questo plugin permette di fare davvero tante cose, essendo di fatto un clone molto più leggero e privo di dipendenze di gnome-volume-manager.

AdBlock+ per Chromium!

–ATTENZIONE!! IL POST È VETUSTO!! —

QUI un aggiornamento.

L’unica cosa che rimpiangevo di firefox era la sua inimitabile estensione Adblock+, unica nel ripulire con efficienza tutto il web dagli odiosissimi ads che ci distraggono, confondono occupano spazio nei nostri monitor e ci conducono a tranello sicuro.  Non è più così! Anche noi utilizzatori di chromium possiamo godere dei benefici di una navigazione priva di insulsa pubblicità.

Ricordo che tutto ciò si applica anche a Google Chrome, la versione di chromium marchiata Google. Per chi non si ricordasse come installare Chromium sulla nostra amata Debian Lenny: https://lowmemorymode.wordpress.com/2009/08/18/chromium-su-debian-lenny/

Passo n° 1:  scaricare ed installare l’estensione

Ce la possiamo procurare qui:

http://www.chromeextensions.org/appearance-functioning/adblock/

Basta fare click sul bottone “add to Chrome” sulla pagina e seguire la breve procedura proposta.

Passo n° 2: configurazione

L’estensione è installata ed appare la sua icona, sul lato destro della barra degli indirizzi.

Cliccandoci sopra appariranno tutte le opzioni disponibili:

Sono tutte di facile comprensione e ci aiutano nella definizione di regole personali.  E’ comunque molto più semplice affidarsi ad una delle famose sottoscrizioni precompilate di AdBlock+. Per fare questo è sufficiente cliccare su “preferences” per aprire la seguente scheda:

 

Spuntiamo la sottoscrizione che preferiamo[ io uso EasyList Germany (Deutschland) + EasyList] e  (fondamentale!!) spuntiamo la casella “use blocking rules”. A Questo punto è sufficiente premere il bottone “Subscrive”.

Passo n°3: navigare senza ads

A questo punto, tutti gli ads semplicemente svaniranno.

happy chromium!

webcam v4l su mplayer

Mettiamo di avere una webcam uvc supportata da  v4l/v4l2.

Vediamo come possiamo usare l’accoppiata mplayer/mencoder per visualizzare il flusso video proveniente dalla nostra webcam e anche registrarlo!

Dai rispettivi manuali:

mplayer  è un visualizzatore di film per Linux (gira su molte altre piattaforme e architet‐
ture di CPU, controlla la documentazione).  Visualizza la maggior parte dei file  del  tipo
MPEG/VOB, AVI, ASF/WMA/WMV, RM, QT/MOV/MP4, Ogg/OGM, MKV, VIVO, FLI, NuppelVideo, yuv4mpeg,
FILM e RoQ, supportato da molti codec nativi o binari.  Puoi guardare VCD, SVCD, DVD, 3ivx,
DivX 3/4/5, WMV ed addirittura filmati con codifica H.264.
mplayer  è un visualizzatore di film per Linux (gira su molte altre piattaforme e architet‐

ture di CPU, controlla la documentazione).  Visualizza la maggior parte dei file  del  tipo

MPEG/VOB, AVI, ASF/WMA/WMV, RM, QT/MOV/MP4, Ogg/OGM, MKV, VIVO, FLI, NuppelVideo, yuv4mpeg,

FILM e RoQ, supportato da molti codec nativi o binari.  Puoi guardare VCD, SVCD, DVD, 3ivx,

DivX 3/4/5, WMV ed addirittura filmati con codifica H.264.

mencoder (MPlayer’s Movie Encoder, Codificatore di film di MPlayer) è un semplice codifica‐

tore di film, progettato per codificare tutti i filmati visualizzabili da MPlayer (vedi so‐

pra) in altri formati sempre visualizzabili da MPlayer (vedi sotto).  Codifica il video  in

formato  MPEG-4  (DivX/Xvid),  uno  qualsiasi dei codec di libavcodec e l’audio in PCM/MP3/

VBRMP3 in 1, 2 o 3 passi.   Inoltre  ha  la  capacità  di  copiare  direttamente  i  flussi

(stream), un potente sistema di filtri (riduci, espandi, ribalta, post elaborazione, ruota,

scala, controllo rumore/disturbo, conversioni RGB/YUV) ed oltre.

Utilizzo:

Per visualizzare semplicemente il flusso video proveniente dalla nostra webcam:

$ mplayer -tv driver=v4l2:fps=30:height=480:width=640 tv://

Le opzioni sono semplici, in ordine:

driver (v4l/v4l2): driver utilizzato per accedere alla nostra webcam.

fps : frame per secondo catturati

height & width : risoluzione (in pixel) per altezza e larghezza

Registrazione video con mencoder

$ mencoder -tv driver=v4l2:fps=30:height=480:width=640 -ovc lavc -lavcopts vcodec=mpeg4 -o flusso.avi tv://

con gli stessi parametri di prima viene registrato il flusso video flusso.avi nella directory di lavoro, codificato con mpeg4. Per uscire dalla registrazione è sufficiente un brutale Ctrl+c

Registrazione video+audio con mencoder

Mettiamo che la webcam sia identificata dal device /dev/video0 e la nostra scheda audio dal device /dev/dsp.

$ mencoder tv:// -tv driver=v4l2:width=640:height=480:device=/dev/video0:forceaudio:adevice=/dev/dsp -ovc lavc -oac mp3lame -lameopts cbr:br=64:mode=3 -lavcopts vcodec=mpeg4 -o audio_video.avi

Idem come sopra, ma adesso abbiamo aggiunto il flusso audio proveniente dal nostro microfono come traccia mp3 😉

L’utilità di quanto sopra mi sfugge, ciò non toglie che sia comunque divertente….

Chromium su Debian Lenny

Chromium è il progetto open source che sta dietro a Google Chrome. Lo scopo del progetto è quello di creare un browser semplice, sicuro, stabile e performante.
Io l’ho testato sul mio eeePC 900A  (quindi in versione i386)  ed anche sul mio fisso (lenny amd64) e devo dire che è davvero eccezionale! La navigazione è facile e soprattutto scorrevole (a differenza di firefox/iceweasel che va decisamente a scatti sull’eeePC…).

Chromium usa il motore grafico webkit che è decisamente più prestante di gecko, su cui sono basati i browser di casa Mozilla.  Senza considerare il fatto che passa l’acid test 3 con un punteggio di 100/100! (provare per credere!)

Inoltre ha un colpo d’occhio davvero accattivante e tantissimi temi tra cui scegliere (ricordiamoci che è identico a Chrome):

chromium

Ciance a parte, passiamo al sodo. Come installare chromium su Debian Lenny??

Il metodo ortodosso sarebbe quello di prendersi una settimana di tempo macchina (sto parlando sempre di un eeePC…) e compilarsi il sorgente di chromium reperibile sul sito degli sviluppatori e pesante solo 800 MB.  La cosa però è un tantino lunga…

Io ho optato per un metodo assai meno ortodosso ma assolutamente efficace: utilizzare una daily build.

Queste sono reperibili al seguente indirizzo,  sia per l’architettura i386 che amd64:

http://build.chromium.org/buildbot/snapshots/

rispettivamente nelle sezioni chromium-rel-linux e chromium-rel-linux-64.

Troveremo un archivio.zip. E’ sufficiente estrarlo ed avviare l’eseguibile  “chrome” presente al suo interno.



–ATTENZIONE!! QUANTO SEGUE È VETUSTO!! —


 

 

E’ possibile appendere diverse opzioni al comando di avvio per godere di tutte le funzionalità:

Quelle che uso io sono:

--enable-greasemonkey --enable-user-scripts --enable-plugins --enable-extensions http://www.google.it

Eventualmente si può navigare tramite proxy specificando ulteriormente il flag:

--proxy-server=indirizzo:porta

(notare che ogni flag inizia con 2 “-“)

Tornando sui flag specificati nel comando:

  • --enable-pluginsabilita chromium ad utilizzare i plugin (video, flash ecc…) installati sul nostro sistema
  • --enable-greasemonkey --enable-user-scripts : abilita chromium ad utilizzare gli script per greasemonkey. Possiamo crearne dei nostri o scaricarne per tutti i gusti da qui. Quindi semplicemente li salviamo nella directory ~/.config/chromium/Default/User Scripts (case sensitive e con uno spazio) e al riavvio saranno attivi. Vi invito a provarli! (come rinunciare a quello che elimina l’invadentissima pubblicità dalle pagine di facebook?!)
  • --enable-extensions : abilita l’utilizzo delle estensioni per Chrome/Chromium. Sono file .crx che permettono di estendere le funzionalità di Chromium. Segnalo ad esempio AdSweep: un sistema di filtraggio che permette di rimuovere buona parte degli ads dalle pagine che stiamo navigando. La funzionalità è del tutto paragonabile a quella di AdBlock+ per firefox. Per installarla basta cliccare qui!
  • http://www.google.it : posto come ultima opzione, è un workaround per impostare la pagina iniziale senza che venga mostrata la pagina about:linux-splash (che non sembra altrimenti eliminabile!)

post modificato il 19/10/2009 – Versione testata 4.0.222.5 (28696)