Debian backports. Software nuovo su Debian stable

I backports

You are running Debian stable, because you prefer the stable Debian tree. It runs great, there is just one problem: the software is a little bit outdated compared to other distributions.

Il prezzo della stabilità è l’utilizzo di software non proprio aggiornatissimo…

Grazie al progetto Debian backports anche gli assetati di stabilità potranno godere di software recente! Sto parlando sia di versioni di software più nuove rispetto all’uscita della Debian stable e pertanto in essa non contenuti (è il caso di openoffice 3.0), sia di software che per un motivo o per un altro non è stato inserito nella stable (è il caso di wicd)

Come funzionano i backports?

Il repository backports contiene software recente, proveniente dal ramo testing o raramente anche da sid, che è stato ricompilato compatibilmente con le librerie presenti nella stable. Da ciò deriva che non è necessario aggiornare le librerie fondamentali del sistema per avere le nuove versioni dei programmi! Ovviamente ciò  sarà impossibile per alcuni programmi…  Tutti gli altri li troviamo nei backports e ce li possiamo godere con relativa tranquillità in un sistema considerabile stabile.

L’utilità dei backports è tanto più alta quanto più la stable invecchia. Già adesso comunque possiamo trovarci Open Office 3.0.1, wicd e molti altri pacchetti che possiamo ricercare da qui.

Utilizzare i backports

Come prima cosa si aggiunge la seguente stringa al file /etc/apt/sources.list per abilitare il repository:

deb http://www.backports.org/debian lenny-backports main contrib non-free

Quindi si aggiorna l’elenco dei pacchetti:

# aptitude update

Si installa il pacchetto contenente la chiave gpg di validazione del repository:

# aptitude install debian-backports-keyring

# aptitude update

Si installa il pacchetto che si vuole dai backports con il semplice comando:

# aptitude -t lenny-backports install pacchetto

Poi se vogliamo che in automatico vengano installate le versioni dei pacchetti provenienti da backports modifichiamo il file /etc/apt/preferences aggiungendo le seguenti  (3) righe:

Package: *
Pin: release a=lenny-backports
Pin-Priority: 1001

Oppure se ci accontentiamo di mantenere aggiornati soltanto i pacchetti che abbiamo installato manualmente impostiamo la Pin-Priority al valore di 200 . Poi aggiorniamo il sistema:

# aptitude upgrade

Esempio pratico:

sostituire (k)network-manager con wicd

E’  innegabile l’utilità di un gestore grafico della rete qualora ci si sposti spesso con il proprio laptop, soprattutto se ci si  deve confrontare con molte reti, sia cablate che wireless.  Tra questi strumenti, quello che mi ha attirato maggiormente è l’onnipotente wicd:  completo, semplice e facile da utilizzare, si porta dietro pochissime dipendenze e quindi si integra perfettamente su ogni DE, compreso il mio Xfce! Ottimo sostituto per il fastidiosissimo network-manager e derivati😉

Di fatto wicd non è presente nei repository della stable. Questo ci dà modo di testare i backports appena configurati!

In perfetto stile Debian l’installazione si fa con un singolo comando!

# aptitude -t lenny-backports install wicd

A questo punto non resta che disabilitare il vecchio  gestore grafico della rete e cominciare ad usare con profitto quello nuovo!

wicd su eeePC 900A con Debian Lenny

happy debian, happy hacking

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...